Sospensioni fiscali

11 - 11 - 2020

Le sospensioni fiscali disposte dal Decreto Ristori-quater saranno legate alla perdita di fatturato di almeno il 33% nel 1° semestre (per le scadenze di novembre) o a novembre (per le scadenze di dicembre). Questo impone ai contribuenti interessati (partite Iva e imprese fino a 50 milioni di fatturato) un ricalcolo della propria situazione per capire se rientrano o meno nei parametri. Per questo ieri il Mef ha comunicato il rinvio generalizzato al 10.12.2020 degli acconti scadenti il 30.11. Per chi rientrerà nei parametri, gli acconti di novembre dovranno essere versati in unica soluzione entro il 30.04.2021.

• Rinviate le scadenze di dicembre, a partire da quella del 16 per l’Iva mensile e ritenute. In questo caso, la ripresa dei pagamenti potrà avvenire in soluzione unica entro il 16.03.2021 o in 4 rate mensili a partire da tale data. Un altro rinvio riguarda le rate del 10 dicembre di
rottamazione e saldo e stralcio: le rate sospese dovranno essere versate entro il 10.03.2020.
• Il Decreto Ristori-quater si occuperà anche di allargare le sospensioni fiscali per le imprese delle Regioni più colpite dalle restrizioni anti-pandemia. In particolare, spiega il Mef, il rinvio
ad aprile degli acconti di novembre riguarderà tutti i soggetti non Isa (degli Isa si è occupato il Ristori-1) che hanno i codici Ateco elencati negli allegati al ristori-bis e che hanno sede nelle zone rosse (o arancioni per i ristoranti); tuttavia, domenica 5 dicembre cambieranno colore 5 regioni e il blocco dei versamenti dipenderà dall’entrata in vigore del Decreto Ristori-quater.

• I contenuti sono stati anticipati con comunicato Mef del 27.11.2020.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?

Lasciati aiutare! Chiama ora al numero: (+39) 051-333788

federica.terzi@studioterzi.eu

Lun-Ven: 08,00 - 17,00

Iscriviti alla newsletter

    Ho letto e compreso la Privacy Policy