SANZIONI E CORRISPETTIVI TELEMATICI

20 - 01 - 2021

La Guardia di Finanza, con la circolare n. 2017/2021, ha chiarito il quadro sanzionatorio per i corrispettivi telematici dopo l’intervento della legge di Bilancio 2021 e ha aggiornato i fac-simile di processo verbale di constatazione.

In particolare, ora, in caso di mancata o non tempestiva memorizzazione o trasmissione, o se sono stati memorizzati o trasmessi dati incompleti o non veritieri, si applica, per ogni operazione, la sanzione pari al 90%dell’imposta corrispondente all’importo non memorizzato o trasmesso, con un minimo di 500 euro, applicando un’unica sanzione a fronte di violazioni inerenti ai diversi momenti della certificazione.

Si applica la medesima sanzione anche in caso di mancato o irregolare funzionamento di RT e serverRT, quando il corrispettivo non è annotato nel “registro di emergenza”.

Inoltre, è stato chiarito che la memorizzazione del corrispettivo e la consegna del documento commerciale al cliente devono essere realizzati non oltre il momento di ultimazione dell’operazione.

Quindi, sarà sempre necessario l’emissione del documento commerciale anche per i corrispettivi non ancora riscossi.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?

Lasciati aiutare! Chiama ora al numero: (+39) 051-333788

federica.terzi@studioterzi.eu

Lun-Ven: 08,00 - 17,00

Iscriviti alla newsletter

    Ho letto e compreso la Privacy Policy