Accredito automatico del fondo perduto e nuove domande per ottenerlo

18 - 11 - 2020

L’accredito automatico del nuovo contributo a fondo perduto (in corso in questi giorni da  parte delle Entrate) non azzera le complicazioni di un meccanismo che funziona per zone,  codici Ateco e coefficienti, e che imporrà a molte imprese di fare comunque domanda  per ricevere gli aiuti. Di seguito sono elencati i soggetti che dovranno inviare l’istanza per  via telematica. o Soggetti che non avevano richiesto il primo aiuto, perché non era  ammesso (circa 1.600 imprese con ricavi oltre i 5 milioni annui) o perché non avevano  presentato la domanda pur avendone diritto per una svista o un disguido. o Soggetti che  avevano presentato l’istanza, ma se la sono vista respingere per un errore (ad esempio  nella digitazione dell’Iban) e adesso possono fare domanda in autotutela alle Entrate. o Le  imprese che alla data del 30.04.2020 tecnicamente non esistevano (ad esempio, chi ha  acquistato un negozio il 13.06.2020). Proprio l’ancoraggio al fatturato del mese di aprile  è l’aspetto più criticato per la sua arbitrarietà. Se aveva senso nell’urgenza della primavera,  sarebbe forse servito un parametro più oggettivo. Oltretutto, il riferimento ad aprile rischia  di perpetuare eventuali distorsioni (impresa che nel 2019 ha venduto un macchinario,  fatturando molto, oppure, viceversa, azienda che ad aprile 2020 si è trovata a fatturare  alcuni grossi lavori dei mesi precedenti e poi è rimasta ferma).

Fonte: Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai bisogno di aiuto?

Lasciati aiutare! Chiama ora al numero: (+39) 051-333788

federica.terzi@studioterzi.eu

Lun-Ven: 08,00 - 17,00

Iscriviti alla newsletter

    Ho letto e compreso la Privacy Policy